vai subito al contenuto della pagina
Parco delle Orobie Valtellinesi  via Moia 4, 23010 Albosaggia tel. +39 0342 211236 fax +39 0342 519250

Visitare il parco

Visita il parco: La Gran Via delle Orobie

La Gran Via delle Orobie è il percorso escursionistico più importante del Parco delle Orobie Valtellinesi. Si tratta di una traversata in quota (l’altezza media è di 1800 m), per un totale di 130 km. da Andalo, in Val Lesina, ad Aprica. Lungo il tragitto vengono toccate tutte le valli del versante; numerosi sono gli aspetti di interesse di questo percorso, da quelli più spiccatamente naturalistici (non sarà difficile osservare vari esemplari di fauna alpina, tra cui camosci, stambecchi, da pochi anni reintrodotti nel Parco, e alzando lo sguardo al cielo si potrà scorgere fra le alte vette il volo maestoso di un aquila che ci potrà fare compagnia durante la camminata) a quelli storici. Lungo il tragitto ci si imbatterà infatti nei resti di antiche mulattiere, di miniere del ferro, di trincee della linea Cadorna, ecc., che potranno offrici lo spunto per delle riflessioni sulla vita di un tempo, mentre il cammino fra il silenzio delle montagne faciliterà di certo la nostra meditazione.
Per la particolare esposizione e l’abbondanza di precipitazioni, sulla catena orobica si trovano anche dei ghiacciai, anche se in fase di regressione, nella parte più orientale del territorio, che potranno essere ammirati nella traversata.
Il sentiero nella parte ovest è dedicato ad Andrea Paniga, mentre la parte centro-orientale è dedicata a bruno Credano.
Lungo il percorso si trovano molti rifugi e bivacchi che fungono da buoni punti di appoggio lungo la traversata, che può essere effettuata indicativamente in 11 tappe (così è segnalata sulla Guida al Parco Regionale delle Orobie Valtellinesi, di Mario Vannuccini). La difficoltà non è elevata, ma in certi punti richiede una buona tecnica escursionistica; è quindi adatta ad escursionisti con una buona esperienza. In particolare il tratto che attraverso la Val Malgina (Comune di Castello dell’Acqua) è vivamente sconsigliato a turisti inesperti, per la difficoltà del percorso e per la mancanza di segnalazioni.
Non è richiesta attrezzatura di tipo alpinistico.
Siccome molti bivacchi e rifugi sono chiuse o attrezzati solo con cuccette, è indispensabile munirsi di sacco a pelo, materassino e fornello. Per molti rifugi è necessario chiedere le chiavi all’ente gestore.

Il percorso è segnalato da appositi segnali bianco/rossi, situati sul terreno:

  • segnavia n.101 dalla Val Lesina alla Val Tartano
  • segnavia n.201 dalla Val Madre alla Val d’Arigna
  • segnavia n.301 dalla Val Malgina all’Aprica
Periodo consigliato
luglio - settembre
Punto di partenza
Delebio
Punto di arrivo
Aprica
Tappe
1ª tappa:
Delebio (218m) - Rifugio Monte Legnone (1690m)
Tempo di percorrenza: 4.30 ore
2ª tappa:
Rifugio Monte Legnone (1690 m) - Rifugio Bar Bianco (1510 m)
Tempo di percorrenza: 6-7 ore
3ª tappa:
Rifugio Bar Bianco (1510 m) - Rifugio Casera di Trona Soliva (1907m)
Tempo di percorrenza: 6.30-7 ore
4ª tappa:
Rifugio Casera di Trona Soliva (1907 m) - Passo S. Marco (1992m)
Tempo di percorrenza: 6 ore
5ª tappa:
Passo S. Marco (1992 m) - Rifugio Beniamino (1485m)
Tempo di percorrenza: 5.30-6 ore
6ª tappa:
Rifugio Beniamino (1485 m) - Rifugio Caprari (2118m)
Tempo di percorrenza: 6.30-7 ore
7ª tappa:
Rifugio Caprari (2118 m) - Capanna Mambretti (2003m)
Tempo di percorrenza: 7 ore
8ª tappa:
Capanna Mambretti (2003 m) - Rifugio Baita Pescaiola (2004m)
Tempo di percorrenza: 5.30 ore
9ª tappa:
Rifugio Baita Pescaiola (2004 m) - Baita Streppaseghel (2090m circa )
Tempo di percorrenza: 4.30-5 ore
10ª tappa:
Baita Streppaseghel (2090 m circa ) - Rifugio Tagliaferri (2328m)
Tempo di percorrenza: 5.30-6 ore
11ª tappa:
Rifugio Tagliaferri (2328 m) - Malga Magnolta (1945 m) - Aprica (1227m)
Tempo di percorrenza: 7-8 ore


Privacy - Cookie policy - Note legali - Dichiarazione di accessibilità - PEC: orobiepark@cert.provincia.so.it

Alparc Cipra Federparchi Convenzione delle Alpi