vai subito al contenuto della pagina
Parco delle Orobie Valtellinesi  via Moia 4, 23010 Albosaggia tel. +39 0342 211236 fax +39 0342 519250

VAS - Valutazione Ambientale Strategica

Introduzione

La “promozione di uno sviluppo armonioso, equilibrato e sostenibile delle attività economiche, e l’elevato livello di protezione dell’ambiente e il miglioramento di quest’ultimo” figurano nel Trattato di Amsterdam tra gli obiettivi dell’Unione e i compiti della Comunità. In tal modo la tematica ambientale ha assunto il valore primario e carattere di assoluta trasversalità nei diversi settori di investimento oggetto dei piani di sviluppo attuativi delle politiche comunitarie, e con il preciso intento di definire strategie settoriali e territoriali capaci di promuovere uno sviluppo realmente sostenibile. Le verifiche di sostenibilità dei programmi di investimento delle risorse con la tutela dell’ambiente naturale e storico andranno dunque attuate nelle forme più idonee di partenariato tra i soggetti istituzionalmente referenti a livello centrale e a livello territoriale, nell’ottica dell’integrazione e ottimizzazione dei contributi delle diverse professionalità operanti sul territorio per le rispettive materie, così da vedere efficacemente rappresentate nelle valutazioni la componente naturalistico-ecosistemica e quella paesaggistico-culturale.

La Valutazione Ambientale Strategica (di seguito indicata come VAS ) è un processo di supporto alla decisione che è stato introdotto nello scenario programmatico europeo dalla Direttiva 2001/42/CE del 27 giugno 2001 “Direttiva del Parlamento Europeo e del Consiglio concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente” per consentire la valutazione degli effetti di implementazione di determinati piani e programmi sull’ambiente.

Gli obiettivi della VAS

  1. garantire un elevato livello di protezione dell'ambiente;
  2. contribuire all'integrazione di considerazioni ambientali nelle fasi di elaborazione, di adozione e di approvazione di determinati piani e programmi al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile;
  3. promuovere l'utilizzo della valutazione ambientale nella stesura dei piani e dei programmi statali, regionali e sovracomunali;
  4. assicurare che venga comunque effettuata la valutazione ambientale dei piani e programmi che possono avere effetti significativi sull'ambiente;
  5. favorire la partecipazione del pubblico nell'elaborazione di piani e programmi in materia ambientale.

La valutazione ambientale strategica riguarda i piani e programmi di intervento sul territorio ed è preordinata a garantire che gli effetti sull'ambiente derivanti dall'attuazione di detti piani e programmi siano presi in considerazione durante la loro elaborazione e prima della loro approvazione. Ed è per questo motivo che la partecipazione degli stakeholder deve essere facilitata e agevolata con una procedura semplice e accessibile, sia attraverso forum di discussione attivi su internet che attraverso incontri veri e propri.

La procedura per la valutazione ambientale strategica costituisce, per i piani e programmi sottoposti a tale valutazione, parte integrante del procedimento ordinario di adozione ed approvazione del Piano/Programma stesso. I provvedimenti di approvazione adottati senza la previa valutazione ambientale strategica, ove prescritta, sono nulli.

Obbligatorietà della VAS

La VAS è obbligatoria per i piani e i programmi che presentino entrambi i requisiti seguenti:

  1. concernano i settori agricolo, forestale, della pesca, energetico, industriale, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, delle telecomunicazioni, turistico, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli;
  2. contengano la definizione del quadro di riferimento per l'approvazione, l'autorizzazione, l'area di localizzazione o comunque la realizzazione di opere ed interventi i cui progetti sono sottoposti a valutazione di impatto ambientale in base alla normativa vigente;

e per i piani e i programmi per i quali, in considerazione dei possibili effetti sui siti della Rete europea Natura 2000 - zone di protezione speciale (ZPS) per la conservazione degli uccelli selvatici e siti di importanza comunitaria (SIC) per la protezione degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatica -, si ritiene necessaria la valutazione.

Sono altresì sottoposti a valutazione ambientale strategica i piani e i programmi che possono avere effetti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale, a giudizio della sottocommissione competente per la valutazione ambientale strategica.

Quando va fatta la VAS

La valutazione ambientale strategica deve essere effettuata durante la fase preparatoria del piano o del programma ed anteriormente alla sua approvazione in sede legislativa o amministrativa.

Per i piani e i programmi sottoposti a valutazione ambientale strategica deve essere redatto, prima ed ai fini dell'approvazione, un rapporto ambientale, che costituisce parte integrante della documentazione del piano o del programma proposto o adottato e da approvarsi.

Nel rapporto ambientale debbono essere individuati, descritti e valutati gli effetti significativi che l'attuazione del piano o del programma proposto potrebbe avere sull'ambiente e sul patrimonio culturale, nonché le ragionevoli alternative che possono adottarsi in considerazione degli obiettivi e dell'ambito territoriale del piano o del programma stesso.

Consultazioni

La proposta di piano o di programma, il rapporto ambientale e la sintesi non tecnica devono essere messi a disposizione delle altre autorità individuate come competenti in materia ambientale ed a tutti i soggetti interessati ed al pubblico in generale. Tutta la documentazione deve essere inviata e depositata, in congruo numero di copie presso gli uffici delle province e delle regioni il cui territorio risulti anche solo parzialmente interessato dal piano o programma o dagli effetti della sua attuazione. Dove deve essere garantita la possibilità di presa visione della documentazione integrale da parte di tutti coloro che ne sono interessati.

Dell'avvenuto invio e deposito deve essere data notizia a mezzo stampa secondo le modalità stabilite con apposito regolamento, che assicura criteri uniformi di pubblicità per tutti i piani e programmi sottoposti a valutazione ambientale strategica, garantendo che il pubblico interessato venga in tutti i casi adeguatamente informato.

Entro il termine di quarantacinque giorni dalla pubblicazione della notizia di avvenuto deposito e dell'eventuale pubblicazione in internet, chiunque ne abbia interesse può prendere visione della proposta di piano o programma e del relativo rapporto ambientale depositati e pubblicizzati. Entro lo stesso termine chiunque può presentare proprie osservazioni, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi.

Giudizio di compatibilità ambientale ed approvazione del piano o programma proposto

Prima dell'approvazione del piano o del programma sottoposto a valutazione ambientale strategica devono essere esaminati e valutati il rapporto ambientale.

In base agli esiti dell'esame e delle valutazioni, l'autorità preposta alla valutazione ambientale, emette il giudizio di compatibilità ambientale contenente un parere ambientale articolato e motivato che costituisce presupposto per la prosecuzione del procedimento di approvazione del piano o del programma. Il giudizio di compatibilità ambientale può essere condizionato all'adozione di specifiche modifiche ed integrazioni della proposta del piano o programma valutato. In tali ipotesi, il giudizio è trasmesso al proponente con invito a provvedere alle necessarie varianti prima di ripresentare il piano o programma per l'approvazione.

I giudizi di compatibilità ambientale e i provvedimenti di approvazione di cui, rispettivamente, devono essere posti a disposizione del pubblico, unitamente alla relativa documentazione, che è tenuto a darne notizia a mezzo stampa.

Monitoraggio

Le autorità preposte all'approvazione dei piani o dei programmi esercitano, avvalendosi del sistema delle Agenzie ambientali, il controllo sugli effetti ambientali significativi derivanti dall'attuazione dei piani e dei programmi approvati, al fine, tra l'altro, di individuare tempestivamente gli effetti negativi imprevisti e di essere in grado di adottare le opportune misure correttive.

Istruzioni per l’uso

La VAS del Parco delle Orobie Valtellinesi prevede le seguenti modalità di partecipazione:

  • partecipazione agli incontri pubblici;
  • partecipazione al forum su internet diviso per tematiche;
  • consultazione del sito internet con informazioni specifiche;
  • possibilità di inviare fax lettere e-mail.

Tutti coloro che intendono partecipare alle attività previste dalla VAS devono sottoscrivere la scheda di partecipazione [ file pdf ~ 98KB] indicando i propri dati personali, compresi gli estremi di un documento d’identità.
L’invio dei dati può essere fatto via FAX o Posta o presentandosi direttamente ai Forum o presso l’Ente Parco.
Una volta sottoscritta tutta la documentazione (scaricabile da internet), verrà inoltrato all’indirizzo e-mail segnalato una password ed un username per accedere al dibattito.
Per rendere trasparente la modalità di partecipazione e di dibattito non verranno accolte istanze anonime.
Chi non effettua iscrizione avrà solo la possibilità di leggere i contenuti della pagine informative e del Forum ma non potrà parteciparvi.

Istruzioni per l’uso dell’area di forum

Per accedere al forum di discussione, occorre prima raggiungere la sezione VAS cliccando sulla omonima voce nella home page del sito http://www.parcorobievalt.com. Da questa pagina principale sull'argomento, cliccando sulla voce di menù “forum di discussione” si accede direttamente al forum.
È sempre possibile leggere i commenti presenti nel forum, ma per poter intervenire è necessario iscriversi con un proprio account: ogni utente è individuato in modo univoco e chiaro (è escluso l’anonimato).
Inoltre, l’accesso all’area di discussione presuppone l’accettazione di regole di buon comportamento [ file pdf ~ 97KB].

Per maggiori informazioni

Contattare Maurizio Schenatti al numero: 347 8992784.




Privacy - Cookie policy - Note legali - Dichiarazione di accessibilità - PEC: orobiepark@cert.provincia.so.it

Alparc Cipra Federparchi Convenzione delle Alpi